Che tipo di cose si insegnano l’un l’altro i gatti?

Ho salvato Lila da una situazione in cui aveva vissuto in una gabbia per 4 mesi, da quando aveva circa 3-4 mesi. Prima di allora faceva parte di una colonia selvaggia accanto a un negozio di alimentari, ma in qualche modo aveva imparato che gli umani le avrebbero dato da mangiare e grattandosi la testa, quindi non poteva essere affatto male. A 8 mesi, venne a casa mia e inizialmente rimase in una camera da letto di riserva perché le mie altre tre avevano bisogno di abituarsi a lei. La prima notte ha spinto tutti i suoi giocattoli fuori dalla stanza sotto la porta e ho trovato le sue zampe di velluto nero sporgenti sotto la porta in modo che tutti potessero annusare. Incredibile esibizione di gatto che socializza! Una volta che faceva parte della popolazione generale (entro la settimana) mi resi conto che il suo parto significava che non aveva molte abilità fisiche da gatto. Cercò di correre con gli altri e le sue gambe erano come un giovane puledro in piedi per la prima volta. Quando Caterina e Xander saltarono il cancello del bambino che tiene il nostro vecchio Oscar dalle scale, Lila li guardò e mi guardò a bocca aperta come per dire “Hanno volato!” Era incantata! L’ho osservata attentamente mentre osservava gli altri gatti per istruzioni e in breve tempo anche lei poteva saltare il cancello, salire sul letto, correre come una campionessa.

Nel frattempo, Caterina è venuta da me con altri attributi che non erano ottimali: sembrava che non avesse molta formazione sulle abilità sociali. Se lei si avventa su Xander e lui la sibila e la schiaccia, pensa “bene, lasciami convincerti meglio che è ora di giocare”, si arrampica su un punto più alto e lo abbandona. È stata anche una vera mocciosa di andare in cerca di cibo in modo aggressivo. Lila sta insegnando le sue abilità sociali – Caterina può fare il pieno di Lila tutto il giorno e viene accolta, ma quando è il momento di smettere, non si può sbagliare Lila quando dice “no significa no”. Li ho anche visti cooperare “cacciare” e a turno mangiando dalla stessa ciotola – qualcosa che Caterina non avrebbe mai capito prima.

Infine, penso che i gatti possano insegnarsi a vicenda a fidarsi. Lila ama e si fida di altri gatti, quindi li osserva da vicino, come interagiscono con me. Il mio piccolo innamorato terrorizzato mi impasta sotto la coperta e ora può essere nutrito a mano con dolcetti, dopo aver visto curiosamente gli altri prima. Ma è ancora molto divertente

Ovviamente ci sono le basi: la caccia (questo è per lo più l’istinto, affinano le loro abilità di caccia con il gioco. Ma anche i cuccioli di canottiere imparano a cacciare giocando con i giocattoli), come combattere e difendere, come mangiare prede catturate.

Ma c’è molto di più che si insegnano a vicenda. Eccone alcuni a cui ho assistito:

Cooperazione

Empatia

Amore

Come aprire le porte (con o senza rotazione della maniglia)

In quale gabinetto gli umani trattengono le prelibatezze

Come aprire sacchetti e contenitori

Le buone maniere (regole dello spazio personale, regole territoriali, stai giocando troppo approssimativamente, ecc.)

La gioia di guardare i piccoli elefanti.

La gioia di ascoltare la narrazione di David Attenborough mentre guardiamo le balene fare cose da balena in TV.

Parole. La mia gatta Kiki (nella foto sopra) è per metà birmana, quindi ha un grande vocabolario. Ha i suoi nomi per le persone e gli altri gatti (anche se il suo nome per me e mia figlia suonano come i nostri nomi). Ha parole per il cibo (in realtà ha parole diverse per diversi tipi), acqua, finestre, fuori, cammina (la camminiamo usando un’imbracatura e un guinzaglio) e ogni sorta di altre cose. Stiles ha iniziato a usarne alcuni. È adorabile

… e innumerevoli altre cose.

Quasi un numero qualsiasi di cose. Guardano, osservano, imitano. A volte non a beneficio dell’essere umano. Abbiamo adottato un gatto che ha deciso che voleva graffiarmi la testa mentre io la grattavo così salta sul divano dietro la mia testa e con i denti, graffi dove le piace essere graffiata. Naturalmente attira la sua attenzione. Molto presto il gatto che le compete molto ha preso l’abitudine. Oggi, il mio terzo gatto ha ripreso il gioioso (non) trucco. Ha 17 anni.

Posso nominare un numero qualsiasi di cose da dare come esempi. Il punto è che tutti i mammiferi sono in grado di apprendere. La portata e la profondità dipendono dalle capacità cognitive dell’individuo e della specie. Naturalmente anche altri animali di diverse famiglie hanno questa capacità. Gli uccelli, ad esempio, hanno specie che hanno notevoli capacità di apprendimento.

I gatti insegnano ai piccoli gatti TUTTO. Ho un gattino che ho avuto per due mesi. Ho due gatti più grandi che, dopo un breve periodo di tempo, l’hanno accettata come parte della famiglia. Li guarda e copia ciò che fanno. Non avrebbe mangiato cibo in scatola, ma solo cibo secco; ha visto i grandi mangiare il cibo in scatola e vivere l’esperienza più volte e poi leccare lei stessa. Sono tornato al suo cibo secco. Ho provato di nuovo il giorno successivo. Sono tornato al suo cibo secco. L’ho provato il terzo giorno e abbiamo mangiato abbastanza per riempire la sua piccola pancia, e ora mangia cibo secco solo se sta morendo di fame (come un gattino in crescita, succede MOLTO) e non c’è cibo in scatola.

Li ha visti suonare e li aveva imitati. Ha attaccato, volendo lottare e ha scoperto che il gattino più grande non voleva lottare. Ci ha provato di più. Ora tiene la testa tra le sue zampe e si lava il viso finché non si arrende. Ha appreso un segnale che dice: “Nessun gioco. Riposa ora”.

I piccoli umani imparano ad essere grandi umani guardando grandi umani. Anche i gatti lo fanno.

Caccia, cura, abilità sociali, prevenzione del pericolo, pericolo. Arrampicata. Ho due gatti, li ho avuti entrambi da quando erano gattini. Nonostante le loro personalità molto diverse, si seguono costantemente gli esempi degli altri e imparano gli uni dagli altri.

Un randagio ha insegnato “mio” selvaggio a miagolare. Abbiamo dato da mangiare al selvaggio, Clyde, per tre anni e non ha mai miagolato. Poi un vagabondo si presentò, essendo amorevole e vocale ed esigente attenzione, e Clyde lo capì. Ora, di solito riceviamo un miagolio seguito da un sibilo, lol. Oh, e abbiamo trovato una casa meravigliosa per i randagi, ma Clyde è ancora selvaggia come il primo giorno.

La mamma gatto insegna ai suoi cuccioli quasi tutto ciò che devono sapere sull’essere un gatto. Insegna loro a lavare, i cuccioli vedono la mamma che si lecca e la seguono amando le stesse parti del corpo. La mamma porta a casa topi morti per insegnare loro cos’è il cibo. Quindi porta a casa i topi feriti e quindi i topi integri per insegnare loro a cacciare. Insegna loro dove si trova la ciotola del cibo e dove si trova la scatola del litro e a cosa serve.

Anche i gatti adulti si insegnano a vicenda. Kitt-Kitt ha insegnato agli altri gatti come saltare alle maniglie del chiavistello per aprire le porte della camera da letto. All’inizio era l’unico gatto a farlo, poi l’altro ha imparato guardandola.